I fratelli Karamazov (BUR Grandi classici)

By Fyodor Dostoyevsky

Los angeles libertà, l. a. colpa, l’espiazione. Le vicende dei quattro fratelli Karamazov indagano tra le pieghe più oscure dell’animo umano, alla ricerca incessante del confine tra bene e male. in step with dare voce ai dilemmi etici più radicali, Dostoevskij mette in scena un parricidio, come fecero Sofocle nell’Edipo re e Shakespeare nell’Amleto. Così l’uccisione del vecchio Fëdor serve a tratteggiare personaggi indimenticabili e a dare spazio alla leggenda del “Grande Inquisitore”, vetta indiscussa del pensiero politico e religioso dostoevskijano. E il lettore non può che essere gettato nel vortice degli avvenimenti, inevitabilmente penetrato dalla dolente umanità di un’opera che ha l. a. dignità del sacro.

Show description

Quick preview of I fratelli Karamazov (BUR Grandi classici) PDF

Show sample text content

Non ci crede lui all’inno. Non parlare, non parlare! Io lo vedo dai tuoi occhi: tu hai già deciso! Non decidere, abbi pietà di me, io senza Gruša non posso vivere, aspetta l. a. sentenza! Mitja finì questo discorso in tono eccitatissimo. Teneva Alëša consistent with le spalle con tutt’e due le mani e lo fissava negli occhi con uno sguardo infiammato, ansioso. – I forzati li lasciano sposare? – ripeté in step with los angeles terza volta, con voce supplichevole. Alëša lo ascoltava con grandissima meraviglia ed period profondamente scosso. – Dimmi una cosa sola – gli chiese.

Lasciami andare – sussurrò lei; – ritornerò, ora soffro troppo!... Si alzò in piedi, ma subito gettò un grido e barcollò all’indietro. Improvvisamente, e senza fare nessun rumore, period entrata nella stanza Grùšen’ka. Nessuno l’aspettava. Katja si slanciò verso l. a. porta, ma, arrivata accanto a Grùšen’ka, si fermò di colpo, diventò tutta bianca come los angeles cera, e con voce dolente, piano, quasi in un bisbiglio, le disse: – Perdonatemi! L’altra l. a. shieldò fissa, poi, dopo un secondo, con un tono velenoso e carico di rancore, rispose: – Io e te, cara, siamo cattive!

Cioè... Ma perché pensate che non l’abbia capito? Certo, ci sono molte oscenità... Io, certo, sono in grado di capire che è un romanzo filosofico, scritto consistent with sostenere un’idea... – Kolja si impappinò completamente. – Io sono socialista, Karamazov, sono un socialista irriducibile – dichiarò a un tratto, così di punto in bianco. – Socialista? – e Alëša scoppiò a ridere. – Ma quando mai avete avuto il pace di diventarlo? Non avete che tredici anni, se non sbaglio? Kolja si despatchedì ferito. – In primo luogo, non ne ho tredici, ma quattordici, fra due settimane ne avrò quattordici – scattò – e in secondo luogo, non capisco proprio cosa c’entri l. a. mia età!

I contadini e il vetturino confermarono senza esitare los angeles deposizione di Trifon Borisyč. Inoltre, in base alle parole di Andrèj, fu messo a verbale anche il particolare del suo dialogo con Mitja strada facendo, quando Mitja gli aveva chiesto: �Dove andrò a finire io, cioè Dmitrij Fëdorovič, in cielo o all’inferno? E in quell’altro mondo mi perdoneranno o no? ». Lo �psicologo» Ippolìt Kirìllovič ascoltò tutto ciò con un advantageous sorriso, e da ultimo raccomandò che �si prendesse atto» anche di questa deposizione circa il luogo dove Dmitrij Fëdorovič sarebbe andato a finire dopo morto.

Io amo una donna, una donna! Che cos’è los angeles donna? È l. a. regina della terra! Sono triste, Pëtr Il’ìČ, sono triste. Ti ricordi di Amleto? �Sono triste, Orazio, sono triste... Povero Yorick! ». Forse io sono proprio Yorick. Ora sono Yorick e dopo sarò un teschio. Pëtr Il’ìč lo ascoltava e taceva. Tacque anche Mitja. – Di chi è quel cagnolino? – domandò improvvisamente, in tono distratto, vedendo in un angolo un piccolo e grazioso barboncino con gli occhietti neri. – È il barboncino di Varvara Aleksèevna, l. a. nostra padrona – rispose un commesso.

Download PDF sample

Rated 4.08 of 5 – based on 40 votes